Rubrica

Moda ecostostenibile

Riscaldamento globale, mari inquinati, effetto serra, e chissà quante altre… Case ecosostenibili, prodotti biologici, cosmesi eco, agricoltura ad impatto zero e finalmente s’incomincia a parlare anche di moda.

Nella terza edizione dell’Osservatorio PwC Millennials vs Generation Z (2018), presentata nel corso del Milano Fashion Global Summit, la qualità è uno dei presupposti all’acquisto, con sei persone su 10 che desiderano che i capi e gli accessori acquistati siano di qualità. Inoltre le persone preferiscono acquistare prodotti sostenibili (37%) con la volontà (non tutti, ma molti) di spendere di più per comprare un prodotto responsabile. Penso che questo sia un grade passo in avanti.

Non so se sia capitato anche a voi, qualche tempo fa ho notato tra alcuni scaffali di Zara dei cartellini con scritto oltre al prezzo: 50% ecologically. Informandomi, ho scoperto che una delle nuove iniziative di Zara è incentrata sul benessere sociale, educazione ed aiuti umanitari. L’azienda si sta impegnando per una  produzione di cotone più sostenibile, come il cotone organico. L’unica domanda che mi pongo ancora è: “Dato che per chiamarsi biologico non basta dire che non siano stati usati fertilizzanti aggressivi sulla coltivazione ma anche che la manodopera e tutta la filiera è avvenuta senza lo sfruttamento delle persone e dei bambini, perchè non è specificato?” Spero e mi piace credere che il processo di produzione sia al 100% umanitario come lasciano intuire.

A prendere le distanze dai prodotti artificiali in favore di un ritorno alla natura, ci sono anche i gioielli!

Ecco dunque aprirsi l’era degli “eco gioielli”. 
Se ne è parlato con molta attenzione anche nella recente fiera di Vicenza oro. E oggi sono molte le aziende, più o meno grandi, che promettono di realizzare gioielli “con la coscienza a posto”.

Michael Kowalsky, Ceo di Tiffany & Co, ha fatto sapere che la celebre gioielleria è impegnata ad ottenere materiali preziosi e gemme tramite soluzioni socialmente responsabili.
Fantastico non credete?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *